Il Golf e la Riviera Romagnola

Se il gioco del Golf si possa definire un gioco o una disciplina sportiva è ancora da stabilire ma resta comunque il motivo di animati dibattiti che si susseguono da diverso tempo. Non è lontano il periodo nel quale il golfista lo si immaginava attraverso la figura di un signore un po’ agè, dai modi eleganti e aristocratici; oggi lo scenario è completamente cambiato vista la giovane età dei grandi campioni in attività, che possono essere considerati dei veri e proprio atleti in quanto si allenano in palestra con programmi di allenamento specifici preparato da professionisti.

La storia del gioco del Golf

Già negli antichi tempi i Romani si dilettavano in un gioco più o meno simile all’attuale, ma il Golf nacque certamente in Scozia dove iniziò il suo sviluppo e dove ebbe origine il primo e vero proprio campo da Golf che, al contrario di quanto credano molti golfisti, non fu il St.Andrews, bensì l’ l’Old Links di Musselburgh (East Lothian) , tutt’ora esistente.
A causa della grande approvazione che questo sport stava avendo, nel 1457 il parlamento lo bandì considerandolo una distrazione soprattutto per le milizie, ma la popolazione ignorò totalmente questo divieto e il bando venne ritirato nel 1502 dal re Giacomo I d’Inghilterra.
Le prime regole del Golf vennero redatte nel 1744 dalla Company of Gentlemen Golfers of Leith a Edimburgo per poi essere riscritte nel 1754 dalla Society of St.Andrews Golfers, trasformatasi poi in Royal and Ancient Golf Club of St.Andrews che ancora oggi redige le regole per gli stati europei.
Le prime partite di golf non vennero giocate su veri e propri spazi appositi ma in parchi pubblici con giocatori mescolati a persone impegnate in altre attività. Con l’approvazione di Giacomo I d’Inghilterra iniziarono a formarsi aree più idonee dove poter giocare con più sicurezza.
I primi campi furono costruiti a ridosso del mare ma senza un percorso ben stabilito, basti pensare che gli ostacoli di sabbia ( bunker ) non erano altro che profonde buche scavate dalle pecore per ripararsi dal vento. Solo nel 1764 venne stabilito il numero delle buche che dovevano formare il percorso, vale a dire 18.

Tenersi in forma giocando a Golf

I medici consigliano il Golf a persone di ogni età. In effetti durante un percorso di 18 buche si percorrono a piedi più di 7 km in salite e discese. Non possiamo garantirvi di “bruciare” ben oltre 1000 calorie, ma con sacca in spalla arriverete a consumarne circa 1500, quasi come quelle bruciate per correre un’ora.
Tutti i dati forniti dipendono chiaramente dal sesso e dalla struttura fisica della persona, ma sono elementi che indicano come il golf sia una sana abitudine e anche un’attività fisica.

Quale attrezzatura e che cosa serve per praticare Golf

Sicuramente per poter iniziare a giocare serve l’iscrizione al club; la maggior parte di circoli offre condizioni molto vantaggiose per chi vuole imparare. E’ possibile comunque ottenere la tessera federale, con la quale il tesserato può cimentarsi in altri percorsi una volta raggiunto il livello di gioco idoneo per la propria sicurezza e quella degli altri.
Per quanto riguarda l’attrezzatura, durante le prime lezioni è generalmente data in prestito dal circolo ma, per chi vorrà procurarsene una propria, il mercato del golf offre una scelta molto vasta. Fatevi seguire da un esperto nell’acquisto del vostro set: scegliete un bastone adatto alle vostre misure e abilità, acquistate palline economiche perché i primi tempi ne perderete parecchie infine per evitare di portare la sacca in spalla munitevi di un carrellino. Per ciò che concerne l’abbigliamento la caratteristica principale è la “comodità” vale a dire pantaloni, maglietta polo e un paio di scarpe da ginnastica. In un secondo momento quando sarete dei veri esperti acquisterete l’attrezzatura e l’abbigliamento professionale per il golf.

Dove praticare Golf sulla Riviera Romagnola

Sulla nostra Riviera Romagnola si trovano diversi Golf Club di eccezionale livello frequentati in ogni periodo dell’anno ma soprattutto sono la soluzione ideale per chiunque voglia praticare golf durante le proprie vacanze al mare.
Partiamo citando il Riviera Golf Resort, una struttura di lusso situata a San Giovanni in Marignano a poca distanza dall’autostrada A14 e dal Misano World Circuit. Tanti i servizi offerti dalla struttura, costituita da un club resort di alto livello con 32 suite, una piscina all’aperto di 82 metri, un ristorante, una palestra e il centro benessere Riviera Beauty.
Se ci spostiamo più verso Rimini, e più precisamente a Villa Verucchio, troviamo il Rimini Golf Club; anch’esso offre molteplici servizi corredato da una magnifica vista verso Montebello, Verucchio e San Marino.
Infine citiamo  anche l’Adriatic Golf Club a Cervia e il Golf Club i Fiordalisi nella provincia di Forlì-Cesena.