Il Beach Tennis e la Riviera Romagnola

La stagione estiva è il momento migliore per dedicarsi a un’attività sportiva. Il clima e le vacanze restituiscono la voglia di muoversi all’aria aperta e di rimettersi in forma. Il Beach Tennis è una delle discipline adatte a raggiungere questo obiettivo. In un circolo immerso nel verde o su spiagge affollate, oggi ognuno può misurarsi con dritto, rovescio, servizio e smash.

L’evoluzione del Beach Tennis

Iniziò tutto intorno agli anni 70 quando sulle spiagge italiane cominciava a prendere piede il gioco dei “racchettoni”, conosciuto anche ora da tutti come un passatempo che non richiede ne regole ne campi delimitati. Da quel momento il gioco inizia ad attrarre un gran numero di simpatizzanti fino a quando nel 1996 nasce il vero e proprio Beach Tennis che inizia a diffondersi inizialmente in Italia dalle spiagge ravennati coinvolgendo progressivamente i lidi ferraresi e poi in sequenza le coste del Lazio, Sardegna, Sicilia, Puglia, Toscana e Veneto, per arrivare oltre oceano intorno agli anni 2000. Dall’Australia agli USA il gioco inizia ad espandersi ovunque sviluppandosi anche in strutture al coperto che hanno permesso al beach tennis di essere praticato tutto l’anno.
Oggi il Beach Tennis ha in calendario numerose manifestazioni, come i Campionati Mondiali a Squadre, i Campionati Europei, i Mondiali Individuali, oltre tutte le competizioni internazionali e nazionali. L’obiettivo primario è quello di far diventare il “beach tennis” sport Olimpico, in quanto viene praticato in tutto il mondo.

I benefici di uno sport senza età

Il Beach Tennis lo si può iniziare a giocare all’età di 5 anni e proseguirlo fino ad un’età avanzata, in base al proprio livello fisico. I bambini che iniziano l’apprendimento del gioco al di sotto della soglia dei cinque anni devono cominciare con racchette particolari e palline di spugna. Per i bambini è uno sport molto educativo a livello psicologico: questa disciplina aiuta a formare il loro carattere, a scegliere la tattica per battere il proprio avversario ed è qui che se giocato singolarmente imparano anche a perdere.
Per gli adulti il Beach Tennis non è lo sport adatto per perdere peso perché composto da tante pause ma aiuta sicuramente a sviluppare resistenza fisica e velocità oltre che ad essere d’aiuto per scaricare tensione e trascorrere qualche ora di svago.

L’attrezzatura per il Beach Tennis

L’attrezzatura fondamentale per il gioco è senz’altro la racchetta; deve essere adatta alla vostra struttura fisica e alla misura della vostra mano. Quindi non deve essere troppo pesante, altrimenti caricherà troppo il polso e i muscoli del braccio.
La caratteristica dell’abbigliamento è sicuramente “comodità”; se siete in spiaggia non avrete nessun problema mentre se giocate al chiuso l’elemento fondamentale è avere una buona scarpa  perchè potreste ritrovarvi a giocare su qualsiasi fondo. Per quanto riguarda l’abbigliamento sono indicati pantaloncini o gonnellini, polsini e fasce per capelli a proprio piacimento e consigliati i calzettini per il gym tennis idonei a evitare attriti che potrebbero procurarvi fastidiose bolle e irritazioni ai piedi, compromettendo la vostra capacità di movimento.

Le regole del Beach Tennis

Come negli altri sport con racchetta, l’obiettivo del beach tennis è quello di vincere gli scambi per accumulare punti.
Vediamo insieme le regole basilari del gioco:

  • Il campo da beach tennis deve essere lungo 16 m e largo 8 m per il doppio, lungo 16 m e largo 4,5 m per il singolo. L’altezza dalla sabbia della rete divisoria deve essere di 1,70 m al centro.
  • La racchetta deve essere lunga non più di 50 cm e il suo piatto non più largo di 30 cm con uno spessore che non deve superare i 3,5 cm. La superficie deve essere liscia anche se sono consentiti “fori” per alleggerire la racchetta. La palla è molto simile a quella da tennis ma leggermente depressurizzata.
  • A differenza del tennis standard, nel beach tennis, gli atleti ovviamente devono ribattere la pallina sempre al volo. La successione del punteggio di un gioco è: 15-30-40-vittoria senza i vantaggi. Generalmente un incontro è suddiviso in set di 7 o 6 giochi con tie-break. In alternativa si può disputare un unico set di 9 giochi.

Dove praticare il Beach Tennis sulla Riviera Romagnola

In Romagna, partendo dalla zona che va dai lidi ferraresi a Riccione, sono stati allestiti oltre 5000 campi di beach tennis sia negli stabilimenti balneari sia in appositi impianti. Alcuni di questi impianti più vicini a noi sono a Misano Adriatico  A.S.D. TENNIS MISANO OUT, il BEACH TENNIS CATTOLICA ASD, a Riccione il BEACH ARENA e ancora in provincia di Rimini esattamente a Verucchio il BEACH PLANET RIMINI con 6 campi coperti e  all’aperto e infine A.S. BEACH TENNIS SAN MARINO.