I cibi portafortuna a Capodanno

Il Capodanno in Romagna è una festa sentita profondamente, e come parte delle sue tradizioni, porta in tavola una serie di cibi che portano fortuna e prosperità per l’anno che sta per iniziare.

Scopriamo insieme i cibi portafortuna più conosciuti che non possono mancare sulle tavole qua in Romagna!!

Le lenticchie


Indubbiamente il cibo portafortuna per eccellenza sono le lenticchie simbolo di ricchezza e prosperità fin dai tempi più antichi, per la loro somiglianza con le monete. Un tempo infatti si usava regalare un piccolo portamonete pieno di lenticchie con l’augurio che queste si trasformassero in soldi.

Il maiale


Le lenticchie si accompagnano allo zampone o cotechino perché anche il maiale appartiene ai cibi di buon auspicio. Emblema della civiltà contadina nella quale “non si butta via nulla”, è da sempre simbolo di abbondanza e di progresso materiale. Non a caso, alle sue origini, il salvadanaio aveva la forma del maialino.


Il pesce


Considerato un vero e proprio cibo portafortuna perché simboleggia l’abbondanza. In alcuni paesi europei, l’intero cenone di fine anno infatti è a base di pesce.

L’uva


Un cibo di buon auspicio per il nuovo anno è attribuito anche all’uva. L’usanza di mangiare alla mezzanotte un chicco d’uva per
ogni rintocco di orologio viene importata dai nostri cugini spagnoli.
In ogni caso questo frutto è considerato simbolo di abbondanza. Un antico proverbio, infatti, recita: “chi mangia l’uva per Capodanno conta i quattrini tutto l’anno”.

Il mandarino


Infine anche il mandarino porta fortuna, in virtù della sua forma quasi perfettamente sferica che oltre a ricordare l’idea del denaro, è simbolo di eternità e buon auspicio per una lunga vita.
A Capodanno godetevi la ricca tradizione culinaria e portatevi a casa un po’ di fortuna!!!

ESTATE a Misano Adriatico

Offerte 2022

Ecco le nostre offerte e i last minute per le tue vacanze a Misano Adriatico.
Se non trovi l’offerta che fa al caso tuo, contattaci direttamente!

Le OPINIONI dei clienti

RECENSIONI

Ascoltare la voce dei nostri ospiti è un modo per migliorarci e confrontarsi
oltre al motivo principale per cui tanti amici tornano a trovarci ogni anno.